lunedì 20 ottobre 2008

AFFLICTION di PAUL SCHRAEDER

Paul Schraeder è un grande sceneggiatore,che ha diretto anche film abbastanza significativi per il loro ruolo di ricerca della morale e dell'etica in ambientazioni dominate da follia e violenza.Lo era il suo Taxi Driver,è molto simile anche questo ottimo film sulla caduta nella follia di un uomo
Uno sceriffo divorziato dalla moglie,che cerca di avere un buon rapporto con la figlia,vede la sua vita andare a rotoli dopo che in un incidente di caccia,perde la vita un pezzo grosso del sindacato,il quale doveva testimoniare in un processo contro la mafia
Da questo momento scivola sempre più nella follia,colpa di un pessimo rapporto con un padre violento, che gli farà perdere l'amore di una donna,il lavoro e lo condurrà verso l'omicidio e la fine


Il film analizza benissimo la solitudine cui sono condannate le persone che per vari motivi non riescono a sopravvivere in questo mondo ferocemente vuoto e desolato.
L'eroe del film nonostante le sue buone intenzioni non riesce a stare a galla,a vivere e si abbandona alla violenza che da piccolo ha subito e visto
Molta compassione e tenerezza per queste vite disperate e spezzate,mentre fuori si celebra l'eroismo di affaristi poco chiari

Un grande film,sul declino dell'uomo medio e sulla violenza che genera solo esistenze devastate
Grandissimi Nick Nolte-che adoro perchè non ha applaudito il collaborazionista Kazan-e James Corburn,oscar per questa sua ultima apparizione cinematografica prima della fine

In questa pellicola non c'è il riscatto del perdente,come se il sogno americano si sia sciolto ,una balla a cui nemmeno i bimbi credono più

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Ciao Viga!

Anche io avevo notato Nolte proprio in quell'occasione.
Pensare che avevo sempre creduto fosse di destra...

Su Maurreddu

davide ha detto...

No,Nolte non è di destra. Certo ha l'aspetto tipico del classico amerigheno,ma ha simpatie liberal.
Si mormora che anche Seagal sia democratico,ma su queto..

todomodo ha detto...

Ecco, anche questo vorrei vederlo, prima o poi. Nolte ha il pregio (da attore)/difetto (da divo) di sparire sovente nel personaggio.