martedì 14 ottobre 2008

TRE SEPOLTURE di TOMMY LEE JONES

Un film americano che parla di immigrazione messicana e di amicizia tra due uomini:un clandestino Estrada e un vecchio cowboy americano.Il messicano viene ucciso-per errore- da un agente della polizia di frontiera decisamente reazionario .
La pellicola non è solo questo,ma anche l'analisi di un paese in solitudine,dove nessuno ha una vera e personale felicità.Un paese distrutto dalla noia e da una violenza casuale
Rapporti vuoti e superficiali tra persone ,tranne nel caso di Estrada e il vecchio Pete.Il film mostra persone credibili che devono vivere il malessere quotidiano frutto di una società in decomposizione per noia e incapacità di sapere vivere e altri disperati che rincorrono un sogno ,ma finiscono sfruttati e ammazzati senza ricevere giustizia.Tranne per il messicano ammazzato dal poliziotto,perchè il vecchio cowboy lo rapirà al fine di dare una vera sepoltura al povero Estrada

Il problema dei clandestini e di come vengono sfruttati nella terra delle opportunità e promesse è un tema assai scottante per spiegare le dinamiche del capitalismo americano e mondiale.
Quanti Estrada spariscono e fanno bruttissime fini nella più totale indifferenza e menefreghismo della cittadinanza locale?
La ricchezza di un paese dipende molto spesso dalla forza lavoratrice sottopagata e sottomessa che vengono da noi. Molti reputano banale e scontato questo discorso,sarà anche così:ma le violenze poliziesche per colpa di esaltati e la dura vita del migrante sono temi da non sottovalutare
Il sogno di un popolo che cerca una vita migliore andando in un'altra nazione spesso finisce con il rivelarsi un incubo. In italia non mancano casi di lavoratori stranieri morti sul lavoro o peggio ancora uccisi dai loro padroni,il caporalato che da lavoro e pretende anche di scoparsi le donne dei poveri cristi in cerca di occupazione e altre situazioni ignobili
Purtroppo molti di loro ,nemmeno potranno conoscerlo un Pete,qualcuno che prenda a cuore la loro vita,qualcuno che capisca un fatto non trascurabile:noi siamo disperatamente soli e morenti,mentre le forze migranti sono piene di vita e speranza.La cercano in posti infernali che qualcuno malauguratamente spaccia per paradisi.Non è così

Questo film merita la visione:un film dal volto umano e necessario,per capire l'importanza della vita degli Estrada di questo mondo,perchè solo la responsabilità dei nostri gesti e la ricerca di un reale perdono e pentimento, l'amicizia vera e profonda ,potranno salvarci

2 commenti:

Pellescura ha detto...

un filmone questo

l'incarcerato ha detto...

Non lo conoscevo,e poi io adoro un film quando parla di immigrazione messicana! Hai fatto una bellissima recensione, farò di tutto per vederlo!