lunedì 13 febbraio 2012

THE WARD di JOHN CARPENTER

Film davvero notevole e decente.Un gran bel ritorno per il Maestro,che ha soltanto un piccolissimo,lievissimo,difetto:il finale.Ecco,è un brutto scivolone.Si è rotto forse un osso,ma cazzo non stiamo parlando di un morto che muore morendo male.ok?Perchè a mio avviso in tantissimi opinionisti da blog manca un po' il senso della misura,(si ci sono anche io talora in questa categoria),perchè dire che Carpenter sia finito,stroncarlo come se fosse una cazzatona assoluta,o paragonando la carriera del buon John a quella di un ex come Argento-purtroppo sottolineo,perchè comunque lo reputo un nome fondamentale per il genere-mi pare davvero esagerato,come il delirio alemanniano alright?
Il film è la storia di Kristin una ragazza che negli anni 60,in America,viene rinchiusa in un manicomio per ragazze difficili.Il posto è lugubre,ma non solo perchè un centro di igiene mentale,anche per via delle presenza di un macabro e crudele fantasma che uccide le pazienti.
Il film fa paura?Si,anche tanta.La scena delle docce,la morte dell'occhialuta,la fuga in orbitorio,la pellicola è tesissima.Non concede respiro nemmeno nei momenti di apparente tranquillità.Carpenter non ti tira fuori un Vampiro a Brooklin,o un Cartaio,ma procede nella sua poesia del terrore e del mistero.
Ha una buonissima fotografia,è girato in cinemascope, e una colonna sonora con le voci femminili che cantano una nenia davvero spettrale.E che rimane incollata nella mente ,canticchiandola per molto e molto tempo
Alice Hudson,prima dello spiegone finale che ahimè danneggia un po'pochissimo il tutto,è un mostro che ti spaventa a morte,ti auguri di non doverla mai incontrare,perchè è la Paura incarnata e il Male incazzato,non so se ci siamo capiti?
Insomma sono uno dei e delle pochissimi/e a cui codesto film è piaciuto parecchio e hai voglia a dire che Carpenter sia finito o altro.John vive e combatte insieme a noi!



ps:a proposito di terrore:ricomincia sanremo.Ecco in quelle sere invece di dar retta ai celentano,fatevi un regalo
Leggetevi sto post apocalittico de noantri,scritto da me medesimo che vi fa bene.okkeio?

http://lenincolt.wordpress.com/tag/doomsday-allabbacchio/

ciaoooooo

12 commenti:

Simone Corà ha detto...

Ne ho letto malissimo ovunque e non ho ancora avuto il coraggio di vederlo. Credo che la tua sia una delle poche recensioni che cercano di salvarne qualcosa... :)

Rear Window ha detto...

Nel complesso l'ho trovato un buon prodotto, onesto, sincero. Solo il fatto che Carpenter sia tornato dietro la macchina da presa dopo 5 anni e qualche passaggio a vuoto è una bella notizia. Il lavoro, come giustamente hai fatto notare, ha qualche difetto, però il suo mestiere di "film de paura" lo porta a termine senza alcun problema! :)

babordo76 ha detto...

è un problema di sceneggiatura,non di regia.Carpenter è ancora validissimo

Frank ha detto...

Sei nella fase Carpenter?
Comunque ne ho scritto anche io e fondamentalmente sono d'accordo (anche se non proprio sul finale)

babordo76 ha detto...

si,sto recuperando alcuni film.Poi carpenter è sempre una gioia gioiosa da vedere
Il film è notevole,avrei preferito un altro finale

Thobia ha detto...

Io invece di commenti positivi ne ho letti e anche parecchi... I negativi arrivano prevalentemente dai patiti dei teen-horror!!! Per me THE WARD è un piccolo gioiello... Per Ghezzi e Nazzaro trattasi addirittura di capolavoro!

babordo76 ha detto...

hai ragione Thobia:è un film davvero notevole.Non piace a chi ama i teen horror!

Babol ha detto...

Mah, rispetto ad altri del Maestro mi è sembrato un po' scialbo e banalotto.
Ricorda troppo Identity, che è molto più bello e ben recitato.

babordo76 ha detto...

ha solo quel piccolo difetto nel finale,ma Identity non mi ha spaventato o inquietato nemmeno un po',e a essere sinceri il finale mi stava proprio sulle palle,figurati quando l'ho rivisto fatto anche da carpenter!^_^
Tuttavia è un buonissimo film

babordo76 ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
hetschaap ha detto...

Sono perfettamente d'accordo con te su questa pellicola. Anche io l'ho apprezzato tantissimo questo film. E' girato benissimo (e, su questo, penso non ci possano essere dubbi) e riesce a sviluppare egregiamente la tensione. Che poi sia un po' la solita storia per me personalmente non ha la minima importanza. Non conta ciò che racconta ma come lo racconta. E lo fa da Dio.

babordo76 ha detto...

giusto è quello che penso anche io
Terrorizza,inquieta,insomma è davvero un notevole film