sabato 10 marzo 2012

TOP FIVE 2022

Le idee brillanti non mi vengono mai a me,cioè magari si ma son quel brillante che poi scopri essere vetro e allor:scappascappascappa asetiprendoasetiprendo.Così sul blog di Lucia,(http://ilgiornodeglizombi.wordpress.com ) ho letto di questa iniziativa assai bella,cioè :come saremo tra dieci anni.Un pirla con gli occhiali,eh?Però è anche vero che un minimo di iniziativa e fantasia non mi mancano e sopratutto egocentrismo un tanto al chilo.L'idea parte da un altro blogger che si chiama come me:Davide
Così con il copyright mi son sistemato e vabbè,mo vi beccate queste cinque ipotesi su quello che potrei essere tra dieci anni.Che ho la fantasia e l'immaginazione che scalpitano per farsi sentire.

1)L'EDICOLANTE ROSSO E IL PENNIVENDOLO ROSSO SANGUE.

Non è per gli affari ,ok?La gente nel 2022-data che a me rammenta il capolavoro di Fleischer 2022 i sopravvissuti-non legge più.Anzi,chi legge è considerato uno sfigato da compatire e dileggiare.Vengono comitive di giapponesi e da altre parti del mondo per fotografare l'ultimo giornalaio e l'ultimo stalinista.Non mi lamento,ho preso il posto nell'immaginario collettivo dei centurioni de roma davanti al colosseo.L'edicola è più che altro un centro di ritrovo per la gente che vuole discutere,polemizzare,riflettere.Una comunità di pensatori e filosofi della porta accanto,certo:ma quanta energia.Eh,si!Le parole sono importanti e chi non le conosce vivrà bene l'effimero,ma come fa a raccontare e a raccontarsi?Ci si ritrova e ognuno ha la possibilità di far conoscere la sua ultima teoria,o per criticare l'esistente.Oltretutto dopo anni e anni di miseri tentativi di convincere altri bloggers a rendere il mio Lenincolt un posto di ritrovo per pennivendoli o pennivendole che usano il genere per parlare di altro,bè ci sono riuscito.Un gruppo di gente diversa tra di loro,ma che nella scrittura e nelle storie immaginifiche trovano lo spazio per attaccare violentemente il presente e il sistema.Ora scusatemi che sono arrivati i japan banzai colletive e mi devo mettere in posa per la foto!


2)LARS VON TRIER,I DARDENNE ,E UN PIRLA FROM BRIANZALAND.

Abbiamo vinto a Cannes,Venezia,Berlino,ci hanno anche dato l'oscar ,ma io l'ho rotto sulla testa di Spielberg e il rimanente andate a cercarlo negli sfinteri di Tarantino.Siamo la coppia più bella e bastarda del mondo del cinema.Notissime sono le nostre furiose litigate che culimanano con la creazione di grandi film rigorosamente d'autore.C'è una gara a chi è più depresso e superbo tra me e il vecchio danese.Da un po' di tempo si è unita a noi Lucia,come montatrice delle nostre opere,capirete tre tipini fini in un paese freddo e del cazzo come la Danimarca.Non passa sera che non si concluda con sbronze colossali,locali pubblici devastati,e tanti troppi guai.Vivo rapito dalla mia arte.La critica,che per me conta più del pubblico,mi ama e mi glorifica tutti i santi giorni,mi chiamano Maestro e io che sono un debole e ho rosicato per troppo tempo ,mi monto la testa.Non mi importa del danaro che spendo in compagnia di crudeli mistress o di piagnucolanti slave.Non mi piaccio per nulla,ci sono solo io e la scrittura.Troppo snob per dire che faccio cinema,maltratto la troupe,tanto che persino Lars è disgustato da cotanto comportamento.Dopo 4 capolavori assoluti e tanti premi ci dividiamo.Non possono durare le unioni tra un genio e un pollo,no?Il pollo sono io.
Così mi abbandono ai sogni infranti e alla bottiglia,fino a quando ,un giorno, i fratelli Dardenne mi chiamano perchè vorrebbero fare un film sul movimento operaio italiano.Dal 69 fino ai temibili giorni nostri:loro ci mettono il realismo,io la mia vena epica e malinconica.Piano piano grazie ai fratelli belgi mi riprendo.Riscopro il gusto di narrare storie vere,crude e dirette.Me ne frego se non è artistico o simbolico.Mi sposo con l'attrice che faceva Rosetta e vivo in quel del Belgio.Sto imparando un po' il francese.Il cinema e la lotta mi svegliano sorridendomi ogni giorno.

3)AL SERVIZIO DEL GENERALE LUCY SKYWALKER THE LIVING DEAD'S HUNTER-e questa è una buona idea per una fiction o per un prossimo racconto.

Così è successo:i morti vivono.Io non mi preoccupo più di tanto perchè i cani mangiano i cadaveri e infatti tutto quello che abbia mai fatto in questo periodo è aprire le gabbie dei canili e poi loro si pappano i morti,ok?Però ieri in città è arrivata il generale Lucy Skywalker and the little wolves,che poi sarebbero quattro esaltati lupacchiotti de 'a magggica.E così ora sono ai suoi comandi ,cazzarola!Corri di qui,spara di là ,salta di su e buttati giù.Cerco di fare il lavativo,ma quella con il suo occhio bionico mi sgama e mi fa un culo tanto.Siamo un esercito di disperati , di eroi piccoli e sgangherati,ma ci salviamo sempre la pelle perchè consci di essere gli ultimi della nostra specie.E pensare che io volevo solo vedere l'Inter che vinceva la coppa campioni.


4)LA COSA DAVVERO ECCEZIONALE E' ESSERE NORMALE.

Lavoro sempre in edicola.Ho messo via i miei sogni migliori:li tengo nascosti per mio figlio.Magari a lui serviranno,magari saranno realtà.Mi sono sposato e mia moglie brontola ogni volta che la porto al cinema per vedere Von Trier,Yimou,Dardenne,Loach,Leigh,e mi luccicano gli occhi perchè avrei voluto vivere la loro vita.Non scrivo più nulla,ero un patetico pennivendolo e alla fine la dignità ha vinto contro la fantasia,non sono un uomo di gloria,ma di felicitàEd essa la puoi trovare anche nelle piccole gioie ,nella quotidianità.Discuto sempre di politica,ai miei figli parlo spesso di Mao,Stalin,Tito,loro mi ascoltano forse -ho il sospetto-anche per un po' di umana compassione.Però il piccolo mi assomiglia,va bene così.Non siamo una famiglia da mulino bianco,talora mi prendono come quando ero giovane delle crisi di rabbia malinconica e divento pesante,ma non siamo nemmeno una di quelle famiglie destinate a riempire intere puntate di quarto grado.Ci vogliamo bene senza le esagerazioni da cinema,ma come gente normale.Non speciale o memorabile,ma quella gente che è la base di ogni nazione.Ho un cane e con lui spesso faccio lunghe passeggiate ,ogni estate andiamo in montagna-io detesto assolutamente in modo violentissimo il mare-a canazei.D'Inverno invece andiamo a Varazze,che il mare d'inverno non è il Mare caciarone degli estivi eh?Sono contento.

5)IL GRANDE MISTERO.
L'unica cosa certa è che io abbia 46 anni.Poi non lo so,non riesco nemmeno a immaginarlo.Mi basta solo di aver qualche amico,di sentire la passione della riflessione politica,di amare ancora il mio lavoroPoi non si sa:forse questo pennivendolo troverà spazio come ghostwrite per qualche sceneggiatore oppure niente.Non mi interessa.Chi vivrà vedrà.

2 commenti:

ilgiornodeglizombi ha detto...

Io voglio gli zombi e voglio l'occhio bionico.
Però mi sembra tanto, leggendo, che alla fine il futuro che ti piace di più e il penultimo.
E allora te lo auguro, orgoglioso cowboy brianzolo.

babordo76 ha detto...

lo so che ti piace il terzo,ma pensa anche a me,povero disgrazièto:mi faresti un corso accelerato di naja!^_^

meglio il quarto,tranquillo e sereno.Quanto sono piccolo borghese!