martedì 28 maggio 2013

MORTE A 33 GIRI di CHARLES MARTIN SMITH



Io ero un metallaro.Già,fa ridere?Ma come te , splendido e meraviglioso difensore del cinema d'autore,tu stimabile pensatore e dotto teorico del socialismo reale, si tu...Eri un metallaro? Fuck yeah sisters e tovarisc.
Avevo i capelli lunghi e il chiodo ed ascoltavo street,glam,a.o.r, classic, n.w.b.m.,mentre gli altri si vestivano con orribili tute adidas,il nu metal e quella roba lì. Io vivevo la gloria del decennio passato. Quindi noterete come sono sempre molto particolare, (no...sei un pirla sempre in ritardo sulle cose ,sempre!),all'epoca ascoltavo una radio che era per me come una seconda famiglia:Radio Rock Fm 98.7 Poi chiusa secondo le ridicole leggi del mercato perchè figurati se in Italia, terra del bel canto,c'è un minimo di attenzione per le varie anime dell'arte musicale. Ti ricordi quando c'era D.O.C.? Anche il jazz potevi ascoltare,insomma la gente va aiutata a conoscer il Bello e non abbandonata alla mediocrità, con la scusa che al popolo sta sulle palle la cultura e vaffanculo i professoroni,più semplicità e cazzate atroci simili.
Io per fortuna non sto da quella parte, il che mi potrebbe precludere amicizie e altro,ma noi Occhialuti abbiamo una dignità e amor proprio da difendere
Quindi il vostro Spettatore Indisciplinato passava giorni su giorni ad ascoltare Rock Fm, imperdibile era la trasmissione che andava dalle 9 alle 13,condotta da Claudia e poi tante cose bellissime come la Rockline di Roccia e Ora Buca di Max cioè lo spazio aperto alle nostre richieste.Tante cose.
Tanti bei ricordi di un tempo andato:il mio primo concerto cioè quello dei Ramones al PalaTrussardi o Palavobis come ...Bè,quello lì.E tanti tanti tanti altri concerti. I migliori? Lynyrd Skynyrd e Whitesnake. Poi passare le mattinate all'aperto per essere in prima fila quando comincia lo show,come mi è successo con i Kiss o Alice Cooper.La musica come il cinema e la letteratura sono affidabilissime compagne, segnano la nostra vita,ci salvano dai dispiaceri,ci fanno conoscere altre anime randagie come noi.
In quel periodo della vita dove un cantante che si atteggia a ribelle per i giornali e il capitale ti pare esser  un grande rivoluzionario,dove un genere musicale è stile di vita.
Un passaggio normale e naturale,che prende tutti.


Però ci piace pensar ai metallari e ai giovani come un branco di infelici che hanno bisogno di sballarsi e mettersi nei guai. Cazzo la gioventù è pericolosa,eh! Questa cultura si basa su uno spirito reazionario ,di controllo su quella fascia della popolazione da sempre portata alla ribellione. Certo il sistema è furbo e crea gli eroi del rock o perlomeno li sfrutta per incanalare la rabbia,l'energia in una direzione comunque controllabile. Certo vi è stato negli anni 60 un periodo di assoluta libertà del genere ,come vi sono altre strade musicali decisamente più barricadere e impegnate,ma va bene anche quel gradasso show di effetti,chitarre, voci abrasive e graffianti. Io infatti l'ho sempre vissuto come una festa,poi il cantautorato mi formava poeticamente e moralmente.

In ogni caso: Morte a 33 giri. Un filmetto con parecchie ombre eppure noi gli vogliamo bene. Ehi,ma non tirerai fuori la solfa banale del cinema onesto e menate simili..Eh si!Una tantum..va bene ok?Anche perchè parlando di Ragman giovane introverso metallaro vittima dei bulli della scuola,mostra un pezzo di società americana. La guerra degli arroganti che si sentono vincenti contro i diversi. L'odio fascista e "razziale" contro chi è uno che viene dalle classi meno abbienti,è occhialuto,ascolta metal ,tante cose. Perchè noi riusciamo a seminare odio anche partendo dalle puttanate.
Non è una bella democrazia quella che non accetta le diversità,si sappia ..Prima di criticare altri paesi o il comunismo.

Ragman ha solo un amico, l'occhialuto Roger,e un idolo:Sammy Carr. Un cantante metal trasgressivo,irriverente che non piace ai matusa,tipo il Super Giovane di Elio e le Storie Tese.


Un giorno viene a sapere che il suo mito è morto in un incendio. Al povero ragazzo crolla il mondo,e come se non bastasse ,i bulli quasi lo ammazzano causa di uno scherzo cretino.
Un suo amico d.j. però gli dona l'ultimo disco di Carr e da quel momento la vita del nostro eroe cambia
Perchè trattasi di lp maledetto ,che suona al contrario e scatena l'anima maledetta del cantante rock. Il quale aiuta Ragman a vendicarsi dei suoi nemici,ma poi il ragazzo capisce che un vero americano non fa mai del male,cioè si..ma vaffanculo sono stronzi loro e io non volevo eh!Che ne so io,come posso immaginare che scaricando bombe sulla popolazione ne ammazzo un fottio?
Ecco gli americani sono così:dei pirla frignoni.
Guarda finisce bene e tutti sono ok e contenti.




Questo è un film che difficilmente potrà interessare le nuove generazioni essendo decisamente ancorato nel suo tempo, una pellicola decisamente conservatrice- i cattivi cantanti rock sono davvero cattivi e traviano i poveri fanciulli yankee- che però è anche una festa per noi appassionati di quel genere di musica,con Gene Simmons e Ozzy Osborne a fare piccole e ironiche parti,una fantastica colonna sonora composta dai Fastway di Eddie Clarke, (ex solidale di Lemmy nei Motrohead),una sorta di Febbre del Sabato sera,ma non per ridicoli tamarri ecco.
Quindi come pellicola ha vistosi limiti,ma è uno di quei film che rappresentando un determinato e irripetibile periodo storico,vivono in eterno . Grazie alla nostra nostalgia,forse.

10 commenti:

Narratore ha detto...

Ricordo ancora questo film con tanto piacere. Lo vidi da ragazzino, quando ancora l'horror era un genere tutto da scoprire, e fu una gran bella esperienza.
La tua recensione mi ha fatto venire voglia di recuperarlo. ;)

babordo76 ha detto...

recupera ! Recupera! In sè il film è medio(cre),ma c'è l'effetto nostalgia per quanto riguarda quel tipo di musica ,come me!
W.A.S.P. Alice Cooper,Kiss,Dogs d'amour.

Ecco,credo che la forza di questo film sia che è un buon modo per avvicinare i ragazzini al genere horror. E poi metallari e occhialuti uniti contro bulli e demoni,che figata!

giulia giu ha detto...

Ciao! Sono Giulia di Studio 28 tv, l web tv delle politiche culturali. Stiamo presentando la seconda edizione di Critica in Movimento,un concorso che mette in palio 1000 se viene presentata una videorecensione relativa ad uno spettacolo teatrale o di danza, ma anche un film. Se sei interessato e ne vuoi sapere di più questo è il link http://www.studio28.tv/criticainmovimento2013/. Poi abbiamo anche fatto uno spot https://www.youtube.com/watch?v=kdK5UYfsmGQ&feature=player_embedded
Grazie per l'attenzione, Giulia

babordo76 ha detto...

grazie per aver preso in considerazione questo piccolo blog di nicchia e di minchia(ate)

Napoleone Wilson ha detto...

Ma che minchiate di nicchia pero' si' di sicuro, una parola una parolina sola su Charles Martin Smith in una delle sue poche regie cinematografiche..,Sapeste chi e'...Se andate a vedere molti di voi lo riconosceranno di sicuro, uno dei piu' attivi caratteristi del cinema e della tv americani dagli anni settanta. "American Graffiti" I e II vi diranno subito qualcosa...

babordo76 ha detto...

si è un noto caratterista,quello che muore ammazzato in ascensore nel bellissimo Intoccabili ^_^

un nome da rammentare,eh !

Napoleone Wilson ha detto...

Tra l'altro sì, bravo...Il contabile.

babordo76 ha detto...

mitico contabile!

LaRic ha detto...

Classicone horror trash anni '80 con camei d'eccezione. Il film per la verità non e' granchè, ma almeno una visione la merita.

babordo76 ha detto...

non è la materia filmica a esser importante,ma l'atmosfera di quel periodo,per chi ama il metal e affini